Aspiranti interpreti in cabina live: si è conclusa la prima parte dell’esperienza pratica al Centro Congressi di Genova. Iniziata a maggio, frutto di una collaborazione della struttura congressuale del Porto Antico con l‘Università degli Studi di Genova, ha consentito agli studenti del corso per interpreti di simultanea un approccio dal vivo alle tecniche e alle difficoltà della loro futura professione.

Entusiastico il feedback raccolto dagli studenti che hanno partecipato all’esperienza sul campo, una delle rare opportunità di contatto tra il mondo universitario e quello del lavoro. Hanno tutti gradito molto l’occasione di mettersi alla prova in una situazione reale e di poter collaudare le proprie competenze linguistiche insieme alle dinamiche del lavoro in squadra.

Under pressure.

E’ stato un test molto utile sia per gli aspetti accademici che per quelli di crescita personale. Non solo un’occasione di familiarizzare con strutture e attrezzature, cimentandosi con le tempistiche del lavoro a turni e con l’interazione con i colleghi, ma anche quella di verificare preparazione, glossario terminologico e competenze. E anche di chiarire a se stessi se si è determinati a fare di questo indirizzo di studi la futura professione.

Gli studenti hanno potuto calarsi in  una situazione di lavoro reale, dove non sono ammessi gli errori e le lacune delle simulazioni in aula. Sperimentare concretamente che cosa significhi lavorare dentro a una cabina per un giorno intero, gomito a gomito con un collega e concentrati per diverse ore di seguito, seguendo ritmi e modalità precisi e gestendo stanchezza, stress e imprevisti.

Tutti promossi a pieni voti.

Commenti assai positivi anche per il Centro Congressi, giudicato ben organizzato, funzionale e confortevole dai futuri addetti ai lavori. Apprezzata la posizione delle cabine, che garantisce una visibilità molto buona dei relatori e dello schermo, e la qualità dell’impianto a infrarossi e delle attrezzature per la traduzione. Consenso unanime anche per il supporto dello staff del Centro Congressi, in particolare per i tecnici del service Teknocongress, che hanno  fornito una puntuale e cortese assistenza. E, naturalmente, il dovuto  plauso è andato ai docenti che hanno promosso e coordinato questa esperienza live, che ripartirà con una seconda tornata da Settembre a fine anno.