L’innovazione è al centro della discussione del XVII Convegno Nazionale degli Ingegneri Clinici ai Magazzini del Cotone di Genova dal 6 all’8 aprile. L’Innovazione e la Persona, perché non può esserci un concreto cambiamento e rinnovamento della sanità e dei suoi processi che prescinda dalla centralità dell’uomo, sia esso paziente oppure operatore sanitario.

Genova, porta aperta all’innovazione.

Sempre in quest’ottica si va a collocare la scelta non casuale della città di Genova, ed in particolare dell’Area del Porto Antico, da cui è partito il rilancio ed il nuovo sviluppo della città, vissuti come sede naturale del congresso:

“…da sempre la città di Genova è la “porta” sul mare,
luogo di passaggio verso l’Europa, attraverso la quale
transitano persone, merci, idee, sogni, tecnologia ed innovazione”

Andrea Fisher – Presidente del Comitato Organizzatore

Le 4 aree dell’ innovazione.

Nell’approfondimento della tematica portante sono state evidenziate quattro macroaree su cui concentrare e declinare concretamente i lavori del convegno:

realtà – le innovazioni attualmente in corso di realizzazione in sanità;
filiera – l’innovazione che parte dall’università per approdare all’industria e ricadere sulle strutture sanitarie;
impatto –  il monitoraggio e la misurazione delle ricadute reali dell’innovazione;
organizzazione – l’innovazione dei processi nella gestione di tecnologie e servizi.

Digital health.

A rendere ancora più stimolante questo importante appuntamento al quale sono attesi ai Magazzini del Cotone oltre 1.300 partecipanti, saranno i contributi dei relatori stranieri che porteranno la testimonianza diretta di quanto avviene in sanità in Europa e negli Stati Uniti.

E ancora: sessioni specifiche su biotecnologie e biomedicina, Apps in sanità, sicurezza informatica di dati biomedici, connessione e reti fra ospedali a livello nazionale ed internazionale, ospedali 4.0, trasparenza negli appalti tecnologici, realtà aumentata e tutto quanto crea e costituirà la digital health del futuro.