Abbiamo già dedicato diversi post a Food for Good, il  progetto di recupero delle eccedenze alimentari dagli eventi per la distribuzione agli enti caritatevoli, promosso da Federcongressi&eventi con le Onlus Banco Alimentare ed Equoevento.

Ne riparliamo volentieri, perchè è un progetto che ci appassiona e ci coinvolge: il nostro Centro Congressi dei Magazzini del Cotone è stato tra le prime strutture congressuali ad aderire con entusiasmo.

Partito nel 2015, Food for Good conta ad oggi  il fattivo coinvolgimento delle principali location e agenzie di organizzazione di eventi, e di fornitori di catering di solida esperienza.

Il contatore del cibo recuperato, sul sito di Federcongressi, marca l’incremento progressivo, e sono numeri sempre più importanti.

 

Food for Good fa scuola in Europa.

Il valore dell’iniziativa è tale che il progetto è stato inserito tra le best practice della Piattaforma dell’UE sul tema delle perdite e degli sprechi alimentari (EU Platform on Food Losses and Food Waste).  L’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile è di dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030 e ridurre le perdite di cibo lungo le catene di produzione e di approvvigionamento alimentare.

Il modello adottato da  Food for Good ha avuto l’alto riconoscimento della UE per le finalità di riduzione degli sprechi e di veicolazione delle eccedenze ai bisognosi, ma anche per la diffusione della cultura del valore del cibo nell’ambito degli eventi.

Essere diventato un modello operativo di dimensione europea è un risultato gratificante per quanti hanno contribuito a gettare le basi di  Food for Good, e continuano a sostenerlo. Ed é ovviamente motivo di orgoglio per Federcongressi&eventi. L’augurio della Presidente Alessandra Albarelli è che questo riconoscimento sia di stimolo per altri operatori del settore.

 

Menu doppiamente buoni.

Gli approfondimenti sul tema da parte di Federcongressi&eventi continuano.

L’accurato  studio effettuato con il contributo di laboratori di analisi sta giungendo alla definizione dei criteri di conservazione degli alimenti.

La collaborazione di chef rinomati porterà tra non molto alla creazione di second life menu. Saranno proposte doppiamente buone: gustose per i congressisti e idonee alla consumazione  in completa sicurezza anche trascorso il tempo necessario al recupero e alla donazione.

Le modalità per aderire a Food for Good, le linee guida per il recupero di alimenti da catering, le procedure operative per gli organizzatori di eventi e un kit per la comunicazione sono disponibili nella sezione dedicata sul sito di Federcongress&eventi.