Benessere in crescita.

Parliamo di Zen-A, la fiera che ha le radici del nome in quello della nostra città e nello Zen, assunto simbolicamente a compendio del mondo olistico.

Proprio per Genova infatti la manifestazione sei anni fa è stata immaginata dagli organizzatori, Biancofiere, fermamente convinti che i Magazzini del Cotone sarebbero stata la sede ideale. Vuoi per l’energia del mare che si respira da questi moli. Vuoi perché location di gradimento già ampiamente comprovato dall’altra fiera sempre a loro firma, Fantasy & Hobby.

Good Vibrations.

Questa edizione è stata più di altre connotata da una strutturazione ordinata e raffinata. Le scenografie create dagli espositori nel tempo si sono coniugate sempre più armonicamente con il tema dominante. E in generale: più proposte stimolanti, più colori, più vibrazioni.

Non è facile, anno dopo anno, rinnovare e incrementare l’offerta, individuare i prodotti più interessanti. Selezionare gli argomenti più intriganti che infittiscono il calendario dei seminari e delle conferenze, parte sostanziale della manifestazione.

La risposta del pubblico conferma che la proposta è centrata. E buona è la formula, che unisce didattica, dimostrazioni pratiche e proposte commerciali. In fiera si possono acquistare i prodotti, provare le tecniche, prenotare servizi, seguire conferenze ed esibizioni. E ancora, ci si può aggiornare sul panorama ormai vastissimo delle produzioni biologiche e delle soluzioni per il “benessere naturale” dell’ambiente, delle persone di tutte le età e persino degli animali.

Ecco che cosa abbiamo visto a Zen-A – Fiera Benessere 2018: fatevi un giro con noi!

Le tante –A di  ZEN-A

La visita alla fiera è stata concepita come un percorso virtuale nel benessere naturale e nel vivere sostenibile. I saloni del piano terra dei Moduli dei Magazzini del Cotone sono stati rinominati per l’occasione, in sintonia col tema sviluppato.

ARMONIA, nel Modulo 7, è stato dedicato alla cura naturale di spirito e corpo. Qui le proposte delle associazioni olistiche, anticipo delle dimostrazioni pratiche al piano superiore. Ayurveda, Riflessologia, Yoga, Shiatsu, Meditazione, Flex Pilates, Massaggio Thai, Naturopatia, Counselling, Musico Terapia…

AMBIENTE, nel Modulo 8. Prodotti e materiali naturali. Biocalci, pavimenti in legno, resine cementizie ideali nel green building, tessile naturale, sistemi di riposo ecologici, sistemi design di depurazione dell’acqua.

ALIMENTAZIONE, proseguendo nel Modulo 9. Qui, una rassegna di prodotti biologici, fonte di benessere ed energia per il corpo. Aromi e spezie naturali per ambiente, oli essenziali, fitoterapici vibrazionali, tisane ayurvediche, bamboo e sakura. E poi confetture, frutta disidratata, estratti di aloe, cucina energetica e curativa. Per uno snack, una sosta al BioBar: estratti di frutta e verdura fresca, burger e tacos vegani e vegetariani, piatti tipici della cucina thailandese. Noi abbiamo provato la crescia umbra con farine speciali: davvero ottima!

 

Esaurita la visita dei padiglioni al piano terra, ancora tanto da vedere al primo piano.

ABITARE, nel Modulo 8, anticipato da uno spazio scenografico dedicato al Giappone, paese ospite della manifestazione. Proposta: soluzioni consapevoli per la progettazione e l’arredamento delle abitazioni. Con interessanti suggerimenti ispirati alla filosofia Feng Shui: come progettare gli spazi; come disporre le piante in casa, sul terrazzo e in giardino; come armonizzare la camera matrimoniale e la stanza dei bambini.

GIARDINO ZEN, nel Modulo 7. Il luogo della sperimentazione delle discipline orientali, il più scenografico. Tutto intorno colorate file di futon per i trattamenti e soffici drappeggi a delimitare le aree delle varie tecniche.  Al centro, lo spazio per le dimostrazioni e le pratiche di gruppo.

E’ di scena l’Oriente.

Le proposte di Zen-A implicano in buona parte una componente di spettacolo, quest’anno integrati da momenti di intrattenimento e di esibizione.

L’edizione 2018 ha dedicato un omaggio al Giappone, proponendone varie rappresentazioni soprattutto artistiche lungo l’intero percorso. Grafiche d’autore sul tema della natura, Origami e Ikebana, percorso tattile sulla seta. Un Japan Concert per percussioni. La cerimonia della vestizione del kimono. Ma anche lezioni di Arti Marziali Aikido, Karate e Ju Jitsu e massaggi secondo la tecnica giapponese.

Ancora un angolo di Oriente, con un grande stand dedicato alla Thailandia. Musiche, danze, il vero massaggio Thai, l’intaglio della frutta. In vendita, il riso profumato e l’integrale del Sud-est asiatico, le varietà di salse e ingredienti per la cucina orientale, l’abbigliamento in fibre naturali per Kung fu e Tai Chi.

Del tutto particolare, una performance di Body Painting, con il corpo di una modella come tela. Il tema? Ovviamente in sintonia con quello della mostra, la natura: con una cascata di fiori sgargianti.