All’inizio fu Ercole, il Salone del lavoro, e si era nel 1996. Il logo rappresentava appunto l’eroe nel compimento di una delle sue mitiche azioni. Il logo durò appena un’edizione: l’allegorico richiamo a fatiche titaniche fu considerato poco incoraggiante per gli studenti che volgevano lo speranzoso sguardo a un futuro lavorativo. Oggi non sembrerebbe così tanto inappropriato.

Il Salone – il primo nel suo genere in Italia – invece continuò, mutato titolo in un più proattivo Formula, il Salone della Formazione, dell’Orientamento e del Lavoro, e si consolidò ai Magazzini del Cotone nelle sette edizioni successive. Nel 1997, oltre alle informazioni sui percorsi di studio e sui possibili sbocchi, Formula propose simulazioni di colloqui di lavoro: 250 neolaureati poterono presentare richiesta di tirocinio e 170 giovani trovarono lavoro grazie al Salone.

1996 – 2016.

Nel ’98 il nostro Magazine del Cotone riportava:

La collocazione ai Magazzini del Cotone è risultata ideale per questo tipo di manifestazione. La struttura congressuale del Porto Antico ha messo a disposizione seimila metri quadrati di superficie su quattro piani e ha “assorbito” senza traumi l’impatto dei ventimila studenti che hanno potuto prender parte a 232 manifestazioni.

Nel 2004, accorpato in ABCD  con altri eventi della filiera dell’education, trasmigrò alla Fiera di Genova, e da questa ritorna ora alla base, arricchito di contenuti. Sono giusto vent’anni dal quel primo Ercole.

Sempre quattro i piani dei Moduli invasi da studenti delle scuole secondarie e universitari, oltre ai due foyer e a tutte le sale convegni. Ci sono sempre gli studenti-bussola che aiutano i compagni a districarsi nel dedalo delle informazioni, c’è l’identico sciamare disordinato e frastornante dei ragazzi da un piano all’altro dei Magazzini.

Alla scoperta dei talenti.

Rispetto a quel primo Salone del ’96 sono aumentati gli indirizzi di studio e le professionalità proposte. Oltre ai percorsi più tradizionali sono presentati gli scenari offerti dalle nuove tecnologie, da comunicazione multimediale, informatica, design, pubblicità, telecomunicazioni. Si punta sul potenziamento delle attitudini personali: discover your talent ! recita il claim della European Vocational Skills Week, alla quale il Salone aderisce con un ventaglio di iniziative quali la Notte dei Talenti, le Olimpiadi dei Mestieri, i laboratori sulle competenze chiave, l’International Career Day.

I ragazzi si accalcano davanti agli stand più gettonati, si immaginano costruttori di robot, diplomatici o make up artist, si siedono a terra negli angoli per prendere appunti, si intruppano in consistenti file per i colloqui di lavoro, tutti alla ricerca di indizi di un futuro, che si prospetta sempre più nebuloso.

Ma come recita la tee shirt ufficiale dell’evento, attingendo da Bob Dylan:

tee shirt